Month: marzo 2016 (page 1 of 2)

ADESSO

Qualche settimana fa sono stata alla presentazione dell’ultimo romanzo di Chiara Gamberale. Il romanzo si chiama ADESSO e a presentarlo c’era proprio lei.

adesso2

Premetto che ho letto quasi tutti i suoi romanzi (tranne quello scritto a 4 mani insieme a Massimo Gramellini) e mi piace molto quelle che scrive e come lo scrive.

Vederla dal vivo è stata solo una conferma dell’idea che mi ero fatta di lei attraverso le parole e le storie dei suoi romanzi. E’ una cosa che faccio sempre, e che penso sia abbastanza comune, cercare di capire ‘quanto’ di un autore ci sia nei suoi personaggi. Leggendo i libri di Chiara ho avuto spesso la sensazione che in qualche misura si sovrapponessero e durante la presentazione un po’ me lo ha confermato lei stessa.

adesso3

Ha parlato e risposto a domande per circa un’ora raccontando di come scrivere sia sempre stato il suo sogno e la sua necessità, fin da bambina. Ci ha parlato di un tema scritto alle elementari in cui già era chiaro in lei questo desiderio e ci ha anche detto che se non avesse scritto, ora sarebbe ‘disperata’ (sue esatte parole!).

Chiara ha parlato e chiaccherato con noi, serenamente ci ha invitato ad entrare nel suo mondo e nei suoi personaggi, nelle sue storie, nel suo ADESSO.

Ma che cos’è questo ADESSO che dà il titolo al romanzo e che troviamo così tante volte all’interno delle sue pagine? Adesso è un momento di cambiamento, di trasformazione. E’ quando ti innamori e non c’è niente che tu possa fare per resistere. Non è qualcosa che accade o succede tutti i giorni. E’ il momento per cui tutto il resto del  tempo non è altro che preparazione.

E’ il momento in cui sentiamo che ‘sta per succedere’, in cui abbiamo paura, in cui vorremmo scappare. Ma è anche il momento stesso in cui decidiamo di fermarci, di smettere di fuggire e in cui proviamo, semplicemente, a vivere.

adesso

Tutti i personaggi di questo libro, non solo Lidia e Pietro i due protagonisti pricipali, stanno vivendo in qualche modo il loro ADESSO.

E’ come una corsa inarrestabile, una attrazione incontrollabile che ci trascina e ci porta esattamente dove dovremmo essere. La parte più difficile è semplicemente accettare questo momento e viverlo per quello che è.

Abbandonare le paure che ci tengono la mano e lasciarci andare.

” Perchè adesso non si pensa.  Adesso arriva, adesso fa tutto da solo”.

Alla ricerca costante di un equilibrio tra il nostro bisogno di mettere radici, di accettare compromessi e quello di restare indipendenti, fedeli a noi stessi.

Tutto quello che succede prima di adesso è una corsa che assomiglia ad una fuga, ma invece è una ricerca costante. E’ imparare a mettere in qualche modo la nostra felicità nelle mani degli altri, avendo come presupposto la nostra e la loro complessità, tentando di rispettarle.

“Il solo atto di forza di qualsiasi essere umano è prendere atto delle proprie fragilità”.

Avrei tantissime cose da dire su questo libro, ma non voglio svelarvi troppo perchè vorrei che lo scopriste voi stessi attraverso la lettura delle sue pagine. Io l’ho divorato.

Era il mio ADESSO in quel momento. Mi ha fatto pensare e riflettere, in tanti punti mi sono davvero ‘persa per ritrovarmi’, come noi Mamme in fuga tanto spesso diciamo.

Una cosa che mi ha fatto sorridere è il modo sempre diverso in cui il cuore viene chiamato durante tutto il romanzo. Forse mai con il suo nome proprio, ma sempre invocato un po’ come il colpevole di tutto ciò che ci accade, che si prende e si fa beffa di noi e delle nostre emozioni e delle nostre paure: rosso buffone, mollusco invertebrato, muscolo involontario. Le ho annotate tutte sulla prima pagina.

Mi è sembrato che chiamandolo così Chiara abbia cercato in qualche modo di esorcizzare il potere che esercita su di noi, che ci fa compiere gesti inaspettati, che ci sorprende diversi da noi stessi, ormai coinvolti e proiettati in quell’ADESSO che abbiamo così a lungo aspettato, grazie all’amore, quella ‘pallina all’altezza della pancia’ che ci fa capire che quello che stiamo facendo, anche se ci fa paura e ci sembra sbagliato, in realtà è semplicemente vero e reale. Ed è la sola cosa giusta fare.

Vivere adesso.

Amare adesso.

eda3a-firma2brobi

adesso5

adesso1

Benvenuta Primavera

Primavera è quella cosa che all’improvviso tu sei un rottame, il tuo intero guardaroba è da buttare e la tua casa fa schifo.

Preso atto di questa situazione ti metti a pianificare rivoluzioni su scala planetaria, ti stanchi per cercare di metterle in atto e arrivi all’estate sfinita.

Questo a grandi linee.

Tra il 20 e il 21 marzo nella tua testa scatta qualcosa e tu, che fino al giorno prima vivevi benissimo, inizi a vedere i raggi di sole, le giornate che si allungano, i fiori che sbocciano, le piante che germogliano e…tutti i difetti del mondo.

Dovremmo essere tutti più felici, invece ci ritroviamo un po’ più depressi.

Chili in più, capelli bianchi, rughe, aloni sui vetri e ragnatele escono insieme a te dal letargo e dal torpore di un inverno buio, ma rassicurante. Ed è panico.

Allora presa dai sensi di colpa cerchi di correre ai ripari. Estetista? Parrucchiere? Dietologo? Palestra? Centro Commerciale? Ikea? Psicologo? Esorcista?

12476410_10207304699589679_2097243669_n

Normalmente ci si butta sul cambio dell’armadio e sulle grandi pulizie di casa. Soluzioni economiche per dar sfogo a questo bisogno di cambiamento e rinnovamento. L’ errore più comune è quello di farli insieme. Se la tua casa possiede un giardino sei fottuta! La mole di lavoro si moltiplica esponenzialmente.

Inizi a girare per casa nervosamente osservando ciò che ti circonda ed ecco che la vetrina in soggiorno starebbe benissimo in camera dei ragazzi e lo scaffale in camera dei ragazzi sarebbe perfetto in soggiorno, magari vicino a quella piccola scrivania che è ora in camera da letto, così al suo posto potresti mettere la cassettiera che ora è vicino all’armadio e, magari, posizionare l’armadio al centro della parete. Lo scaffale sarebbe un amore se solo lo dipingessi e su quella parete vuota ci starebbero molto bene dei quadri o delle cornici.

Ti vedo mentre torni, dopo aver sgomitato fra la folla e litigato nel parcheggio con chi ha avuto il coraggio di farti compagnia, da un week end full immersion all’Ikea e al Brico con la macchina carica di cose e di buona volontà. Non lo diresti mai a nessuno, ma sei già pentita.

Arriva sera. Hai mal di schiena, sei in preda ad una crisi allergica dovuta a tutta quella polvere che hai sollevato (oltre alle prime allergie di stagione), sei stanca, e hai il caos che regna sovrano intorno a te. Vorresti dormire, ma hai il letto pieno di vestiti da mettere nelle scatole, ma le scatole sono ancora da montare.  E allora ti addormenti così come capita pensando che fra poco arriva l’estate, il tempo di montare le scatole e sarà già un’altra stagione.

Benvenuta Primavera!

Fuga nella Scienza

Older posts

© 2017

Theme by Anders NorenUp ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi