Month: giugno 2015 (page 1 of 2)

Buone vacanze mio piccolo grande super eroe!

Sembra ieri, invece è già passato un anno.
Cercavamo la scuola presso la quale trasferire te e tuo fratello e, per caso, abbiamo visto dietro ad una vetrata un ragazzo impegnato nel suo esame di terza media seduto di fronte ad una commissione.
Ci era parsa una cosa spaventosa, ma lontana.
Invece un anno è volato, e l’altro ieri dietro ad una vetrata seduto di fronte ad una commissione c’eri tu. Lo so perché ho sbirciato.
Io ero fuori, un po’ camminavo un po’ stavo su una panchina. Mi scappava forte la pipì.
Ti ho accompagnato io a sostenere il tuo orale. In un’altra vita saresti andato ad affrontare sia gli scritti che l’orale a piedi. Scuola-casa cinque minuti a dire tanto, in compagnia dei tuoi amici.
In questa no, ti ho dovuto accompagnare in macchina e ti ho dovuto aspettare a lungo, perché in questo momento le cose stanno così.
La mattina siamo usciti presto e abbiamo portato tuo fratello al Grest. Ti guardava preoccupato come tu guardavi quel ragazzo dietro alla vetrata. Tra un anno tocca a lui e un anno passa in fretta.
Ti ho portato in quella pasticceria in riva al lago dove gli uccellini vengono vicini vicini a mangiare il croissant in compagnia. In questa vita gli uccellini non hanno paura.
Quella notte non abbiamo dormito. Ad un certo punto sei venuto nel lettone con i tuoi 14 anni e il 43 di piede. Ti ho abbracciato senza pudore, se sei venuto lì e perché ancora hai bisogno di un mio abbraccio. Siamo rimasti così fino al mattino. Tu che stai diventando grande  e io…anche.
Hai rischiato di doverli rimandare questi esami. Due giorni prima dall’inizio degli scritti ti sei svegliato con la febbre, il mal di gola e la ghiandole gonfie. Abbiamo saputo che una tua amica aveva la varicella e tu la varicella non l’hai mai fatta. Ci siamo svegliati per cinque mattine controllando se avevi le macchie. Non sono mai arrivate e la febbre se ne è andata.
Hai rischiato più volte di arrivare in ritardo a questi esami. Ho bucato una gomma, da quando ho la patente non mi era mai successo. Una mattina è anche saltata la corrente e il cancello elettrico non si apriva, naturalmente non abbiamo le chiavi. Non racconterò come abbiamo fatto ad uscire.
Invece sei arrivato in fondo. Cinque giorni di scritti e l’orale.
Mentre io imprecavo e cercavo soluzioni e sbattevo la testa contro il muro tu non ti sei mai scomposto.
L’altro ieri sei sceso dalla macchina con la tua borsa porta computer serio e teso, ma pronto per affrontare il tuo primo esame ufficiale. Dico ufficiale perché esami la vita te ne ha fatti superare tanti. E tu li hai tutti brillantemente superati.
Anche questo.
Congratulazioni mio piccolo grande super eroe, ora goditi le vacanze.

Di spettacoli di fine anno.

Queste settimane e mesi che accompagnano la fine della scuola sono sempre dei periodi molto intensi: è come se tutto l’anno si lavorasse per raggiungere ed arrivare ad un obiettivo e poi, nel giro di una manciata di giorni, tutto è finito, chiuso e completato, lasciandoci dentro un certo senso di vuoto.
Vale per i miei figli con la scuola, vale anche per me con il lavoro e quest’anno si è aggiunto anche il matrimonio di mia sorella (più tutta un’altra serie di impegni e complicazioni che non sto qui ad elencarvi). 
Sto vivendo un po’ in apnea e aspetto con ansia di poter rallentare i ritmi e respirare a pieni polmoni, finalmente. Mi rendo conto però che questa cosa la dico ormai da un po’, quindi forse più che aspettare che il periodo incasinato passi, devo solo accettare che sia la mia vita a essere incasinata. 
In generale. Sempre.
Forse, se l’affrontassi con questa consapevolezza la vivrei con meno ansie e più serenità, senza la continua attesa di quel fatidico momento ‘tranquillo’ (che, puntualmente, non arriva mai!).
Lo diceva anche Gandhi!
Ieri sera sono stata allo spettacolo teatrale di mia figlia Alice, la più grande. Lo spettacolo è stato bellissimo e lei è stata davvero brava (cuore di mamma!). Mentre ero lì ed aspettavo che iniziasse (essendo finalmente seduta, tranquilla, senza nulla da fare nell’immediato se non aspettare), ho riflettuto un po’ sulle cose fatte nelle ultime settimane: alle corse, ai pasti mangiati in macchina, ai lavori finiti la sera tardi, alle mattinate sveglia presto per scrivere post sul blog.
Poi lo spettacolo è iniziato e sono stata letteralmente travolta dalle emozioni come mamma, come spettatrice, come persona.
I ragazzi sono stati bravissimi: uno spettacolo di quasi due ore creato e scritto da loro (e dalla loro bravissima insegnante Valentina).  Sono giovani, piccoli adulti che si affacciano alla vita, eppure sono stati in grado di fare un lavoro incredibile e mi hanno davvero insegnato qualcosa. 
Mentre ero seduta al buio della sala che ridevo e mi commuovevo ho pensato a loro e a tutta la fatica e l’impegno usato per mettere in piedi questo spettacolo: un anno di lavoro, di prove, di giornate passate in teatro invece che magari in giro con gli amici. 
Tutto per creare e realizzare questo spettacolo e per fargli prendere vita.
Ed ora che lo spettacolo è finito? 
Ed ora si continua, si riparte più carichi e convinti di quello che si sta facendo.
Lo spettacolo finale è stato solo il loro traguardo, ma la loro ‘corsa’ non finisce qui. 
E’ stato solo l’obiettivo che si erano prefissati di raggiungere, ma tutto il lavoro e il processo che li ha portati a ieri sera non è finito e non finirà. 
Allo stesso modo tutti noi ogni giorno lottiamo, corriamo, lavoriamo e ci incavoliamo in vista di un  nostro obiettivo e ‘spettacolo’.  
Che possono essere tante cose, piccole o grandi: un piccolo sogno da realizzare, una cosa nuova da imparare, un lavoro da completare ecc. 
Lottiamo ogni giorno in vista di un obiettivo ed una volta che l’abbiamo raggiunto, magari con fatica e determinazione, siamo già pronti a puntare ad uno nuovo. 
Ed è così che deve essere, ed è questo che ci fa andare avanti ogni giorno.
Accettare nuove sfide e provare ad affrontarle.
Imparando che la confusione che ci circonda, le corse, le cadute, i problemi e gli impegni di ogni giorno sono parte integrante di tutto questo e che dobbiamo solo imparare a conviverci, invece di aspettare che passino. 
Ognuno in vista del suo ‘spettacolo’ personale.
 
    
Older posts

© 2017

Theme by Anders NorenUp ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi